Il nome Txakoli (o chacolí) deriva dall’espressione “etxeko ain”, che significa “solo per casa”. E per molto tempo i vini Txakoli sono stati considerati proprio così – vini fatti in casa, giovani, economici e con una forte acidità. Negli ultimi anni, tuttavia, questi vini bianchi baschi hanno conosciuto un vero e proprio revival, affermandosi come vini moderni di buona qualità con un carattere unico ispirato dal clima e dal terroiratlantici.

Il perfetto esempio di questo cambiamento d’immagine è il Gorka Izagirre 42 di Eneko Atxa, vincitore, nel 2019, del Trofeo Rivelazione Vino Bianco del Concours Mondial de Bruxelles.

“Questo premio rafforza la nostra premessa di base – che oltre alle tradizionali offerte giovani, in Biscaglia si possono produrre anche grandi vini con una buona capacità di invecchiamento”, afferma il produttore di vini Joserra Calvo.

42 di Eneko Atxa è un vino esclusivo – ogni anno vengono prodotte solo 7.000 bottiglie, e attualmente è già esaurito. Calvo aggiunge: “L’interesse suscitato dal premio Rivelazione è stato impressionante. Le 1.500 bottiglie che rimanevano in cantina sono state vendute in soli 3 giorni.”

L’interesse suscitato dal premio Rivelazione è stato impressionante. Le 1.500 bottiglie che rimanevano in cantina sono state vendute in soli 3 giorni.

Gorka Izagirre fa parte di ARAEX Grands (Vini Pregiati di Spagna), un’associazione indipendente che riunisce cantine dinamiche e innovative attraverso la Spagna, in particolar modo in Rioja Alavesa e nei Paesi Baschi, che hanno guidato la nascita di nuove tipologie di vino, preservando, al tempo stesso, l’autenticità del Txakoli in un mondo sempre più globalizzato.

Una Denominazione di Origine, Bizkaiko Txakolina, creata 25 anni fa, garantisce che il vino soddisfi rigorosi standard di qualità durante tutto il processo di produzione, dalla vigna alla bottiglia. Tra i requisiti vi è la posizione dei vigneti, che non possono situarsi sopra i 400 metri sul livello del mare, posizione che offre al vino le peculiari condizioni agro-climatiche del sito.

“La nostra intenzione è che i nostri vini riflettano sempre la nostra terra: il clima, il terroir, la pioggia, i venti e soprattutto l’identità delle nostre uve uniche – Hondarrabi Zuri e Hondarrabi Zuri Zerratia”.

Joserra Calvo, wine maker at Gorka Izzagire

Gorka Izagirre produce un numero limitato di vini, tutti provenienti da uve bianche autoctone dei Paesi Baschi.

“La nostra idea, fin dall’inizio, era di concentrarci sulle nostre varietà locali, che sono uniche e in gran parte sconosciute. Queste varietà danno ai nostri vini un’identità, li differenziano dagli altri e solleticano la curiosità dei nostri clienti. I vini di Hondarrabi Zuri e Hondarrabi Zuri Zerratia non sono lussureggianti al naso, ma si distinguono per il loro equilibrio, la loro freschezza e la loro eleganza”.

Il premio Rivelazione per il nostro 42 di Eneko Atxa dimostra che un Txakoli prodotto nel 2015 può essere eccellente e può competere con qualsiasi vino bianco al mondo, mantenendo intatta la sua identità.

Il tradizionale Txakoli bianco si è evoluto non solo in termini di qualità ma anche per la sua varietà: il Txakolis di nuova generazione può essere giovane e fruttato, fermentato su fecce, invecchiato in botte, frizzante e anche rosato e rosso.

“Sebbene vi sia un crescente interesse per i vini baschi ottenuti da uve autoctone, c’è ancora molto lavoro da fare”,spiega Joserra Calvo.“I produttori dovrebbero impegnarsi a promuovere i diversi tipi di Txakolis e chiarire ai clienti che, oltre ai giovani vini secchi, esistono esempi più complessi, invecchiati su fecce o fermentati in botti. Il premio Rivelazione per il nostro 42 di Eneko Atxa dimostra che un Txakoli prodotto nel 2015 può essere eccellente e può competere con qualsiasi vino bianco al mondo, mantenendo intatta la sua identità ”.

In futuro, i viticoltori di Gorka Izagirre desiderano sorprendere i loro clienti aggiungendo un vino rosso alla loro gamma di prodotti. Fedele alla filosofia della cantina, il nuovo rosso sarà della varietà autoctona Hondarrabi Belitza.

42 di Eneko Atxa

Varietà: 100% Hondarrabi Zerratia

D.O.: Bizkaia Txakoli

Invecchiato su fecce per 10 mesi, le fecce vengono rimescolate quotidianamente fino a raggiungere la perfetta combinazione tra frutta, legno e fecce.

NOTA DI DEGUSTAZIONE: tonalità giallo dorato con riflessi verdognoli, il naso evoca gli aromi puliti e intensi di pesca bianca matura e agrumi come il pompelmo rosa, ma si possono apprezzare anche aromi di toast, pasticceria e quercia. Il corpo è potente e ricco di glicerina con una base di mela matura, agrumi e frutta tropicale, accompagnato da un sottile aroma affumicato di burro tostato e una delicata acidità. Un vino caratteristico e longevo con un fantastico potenziale di invecchiamento.

Informazioni sulla cantina:

Il Gorka Izagirre possiede quaranta ettari di vigneti suddivisi in piccoli appezzamenti integrati nel paesaggio di Biscaglia. L’aria costiera, i ripidi pendii collinari, il sole del sud-est del mattino, le aree ben aerate e le verdi colline lussureggianti conferiscono ai vini una freschezza e un carattere unici.

La complessa geografia delle terre richiede una raccolta manuale delicata nel mese di ottobre. I grappoli piccoli e stretti hanno un basso rendimento per ettaro che consente una maturazione ottimale e dà vita a vini strutturati di altissima qualità.