I 342 giudici del Concours Mondial de Bruxelles hanno attribuito il premio Rivelazione Internazionale 2019 spumante a un produttore belga, la proprietà Chant d’Éole a Quévy-le-Grand.

Il brut Blanc de Blancs della cuvée Prestige 2014 ha ricevuto il consenso unanime tra oltre 720 vini spumanti di tutto il mondo, degustati alla cieca dai maggiori esperti internazionali. Hubert Ewbank, direttore della proprietà: “È un grande onore e un grande privilegio per noi. Mettiamo così tanta energia e passione nel nostro mestiere che ricevere un tale riconoscimento è eccezionale!”. Il settore vino spumante belga è, in effetti, in piena crescita qualitativa.

Da quando l’azienda belga ha ricevuto questo premio, i media hanno letteralmente preso d’assalto il produttore: le televisioni belghe, francesi e tedesche si sono mobilitate.

Questo tipo di vino suscita un interesse sempre più crescente presso i clienti. “Vogliamo distinguerci, l’obiettivo non è fare volume ma posizionarci sul mercato. Ci vuole anche un pizzico di follia perché prima che questa scelta sia redditizia, occorrono tra i 10 e i 15 anni. In Belgio, con l’aiuto di specialisti, siamo capaci di fare grandi cose!”. Da quando l’azienda belga ha ricevuto questo premio, i media hanno letteralmente preso d’assalto il produttore: le televisioni belghe, francesi e tedesche si sono mobilitate. Prova che questo riconoscimento è una vera fortuna per l’azienda: la totalità della produzione della cuvée Prestigeè attualmente in rottura di stock. Fortunatamente l’azienda ha annunciato la produzione di una nuova cuvée Prestige con il raccolto del 2018.

Hubert Ewbank, direttore della proprietà Chant d’Éole

 

Il Belgio, nuovo Eldorado?

Le bollicine di Vallonia ricevono spesso dei premi nelle competizioni internazionali. La qualità del prodotto è quindi innegabile. “Ottenere un tale riconoscimentoè motivo di grande fierezza per un vino belga. Si è sempre parenti poveri della Champagne. I clienti prediligono questa regione, quando qui abbiamo lo stesso suolo e abbiamo fatto importanti investimenti nelle tinaie e nei sistemi di vinificazione e siamo circondati dai migliori consulenti per la spumantizzazione.” Oltre alle grandi medaglie d’oro della Cuvée Prestige, il vigneto ha ricevuto anche due medaglie d’oro per il Blanc de Blancs 2016 e per il Brut rosé 2016.

“Ricevere un tale riconoscimento è davvero importante per l’immagine del vino belga!
Ci consente di posizionarci sulla carta dei vini.

Il cambiamento climatico ha come effetto di offrire alla Vallonia un clima propizio alla vigna.

Abbiamo un buon suolo e  il cambiamento climatico che dura da 45 anni gioca in nostro favore. Abbiamo fatto tutto quello che potevamo per ottenere il miglior prodotto e ne siamo davvero fieri! Ricevere un tale riconoscimento è davvero importante per l’immagine del vino belga! Non solo per noi ma anche per tutti i vigneti valloni poiché ci consente di posizionarci sulla carta dei vini.”

 

Brut Blanc de Blancs, Cuvée Prestige 2014

Blanc de Blancs, metodo tradizionale 2014
98% Chardonnay e 2% Pinot bianco Hainaut occidentale, sud-ovest di Mons
Vendemmia a mano, svinatura accurata, la fermentazione alcolica è guidata a temperatura controllata (18°).
Affinamento su doghe, minimo 48 mesi. Calcare (85%) e argilla (15%).
La degustazione: Bel colore giallo oro, bolla fine e elegante, matura senza eccesso. Naso sottile e florale con note di pesca, mandorle dolci e miele d’acacia in finale. Attacco fresco e tonico, pesca gialla.
Indicato per aperitivi, cocktails, ricevimenti.
Temperatura di servizio consigliata: 5-8°
Tenore alcolico sviluppato: 12,5%

 

La cantina

L’avventura della proprietà Chant d’Eole a Quévy inizia meno di dieci anni fa, grazie alla creazione di un’associazione tra Filip Remue, vignaiolo a Champagne e originario di Ninove, e Louis Ewbank di Wespin, agricoltore di Hainaut e proprietario delle vigne attuali: nove ettari dal sottosuolo calcareo (lo stesso tipo di suolo della Champagne) situati a sud di Mons, tra Harveng e Quévy.

Oggi Hubert Ewbank gestisce il vigneto nel quotidiano mentre Filip Remue assicura la manutenzione e la vinificazione dei succhi, con l’assistenza di un team di tecnici. Nuove piantature sono avvenute nel 2017 (2,5 ettari), nel 2019 (3,2ha) e nel 2020 sono previsti ulteriori 3,2ha.