22 al 24 maggio 2021

Concours Mondial de Bruxelles

0
0
0
0
Days
0
0
Hrs
0
0
Min
0
0
Sec

28ª edizione

Concours Mondial de Bruxelles

La città di Yinchuan accoglierà la 28ª edizione del Concours Mondial de Bruxelles. Le sessioni di degustazione si volgeranno dal 22 al 24 maggio 2021.

Iscrivete i vostri vini

Dal 22 al 24 maggio 2021: Ningxia, Cina

Il sogno color porpora di Ningxia

Mille anni fa, l’antica via della seta che attraversava il continente eurasiatico favoriva lo scambio economico e culturale tra i paesi dell’Est e quelli dell’Ovest. Oggi, quello che un tempo era l’epicentro del commercio internazionale è diventato la più grande regione viticola della Cina, che conta oltre 90 vigneti e una superficie vitata di 40.000 ettari.

Nel 2018, il Ningxia ha prodotto oltre 100 milioni di bottiglie di vino, mentre le ricette turistiche totali hanno superato i 15 miliardi di RMB per la sola Yinchuan, una crescita del 15,83% rispetto all’anno precedente. Oltre la metà dei viaggiatori internazionali recatisi nel Ningxia durante l’ultimo anno, l’hanno fatto per il vino. Oggi, dopo anni di sforzi devoti da parte dei viticoltori e dei vinificatori, molti vini del Ningxia hanno riportato premi partecipando a concorsi internazionali, come il Concours Mondial de Bruxelles. Non c’è dubbio che il vino sia diventato un vero “marchio porpora” per il Ningxia.

Le pendici orientali dei monti Helan

Nel 2013, le pendici orientali dei monti Helan sono ufficialmente diventate zona protetta per i vini con indicazione geografica nazionale cinesi. Dal nord al sud, tra le pendici dei monti Helan a ovest e il fiume Giallo a est, Shizuishan, Helan, Yinchuan, Yongning, Qingtongxia e Hongsipu sono le 6 sotto-regioni in cui le viti crescono lungo una stretta striscia, comunemente conosciuta come le pendici orientali dei Monti Helan.

Ningxia possiede un clima continentale fresco, con estati molto calde e secche seguite da inverni estremamente freddi, che obbliga i viticoltori a sovesciare le viti per garantirne la sopravvivenza durante l’inverno. Con una pluviometria media annua di appena 240mm circa, l’irrigazione è necessaria e il goccia a goccia è ampiamente utilizzato nei vigneti della regione. L’altitudine media è di oltre 1.000 m sul livello del mare, e diminuisce da sud a nord.

La combinazione di lunghe ore di sole, di un’escursione termica tra il giorno e la notte che può arrivare fino a 15°C, e un di un periodo di maturazione relativamente lungo, permette all’uva di raggiungere un’alta concentrazione di zucchero e una piena maturità fenolica, mantenendo un’acidità equilibrata.

I vitigni a bacca rossa dominano (oltre il 90% dei vitigni sono destinati al rosso), il Cabernet Sauvignon rappresenta oltre il 70%, seguito dal Cabernet Gernischet e dal Merlot. Il Marselan si è rivelato un’ottima seconda scelta in questi ultimi anni ed è considerato da molti come il futuro dei vini cinesi. Per quanto riguarda i vitigni bianchi, lo Chardonnay rappresenta oltre il 70%, spesso profumato, con note di frutta tropicale e un forte tenore alcolico. Tra le altre varietà bianche, troviamo ugualmente il Riesling italico, il Riesling e, in misura molto minore, il Vidal.

In questi ultimi anni, con il sostegno del Comitato del partito autonomo di Ningxia e del governo popolare centrale, si stima che nella regione che circonda i monti Helan si producano annualmente oltre 100.000 tonnellate, per un valore un valore generato di oltre 20 miliardi di RMB.

Yinchuan, il centro dell’antica via della seta

In quanto capitale della regione autonoma di Ningxia Hui, Yinchuan si affaccia sul fiume Giallo a est e occupa un posto d’onore sotto i maestosi monti Helan a ovest. Antica città fortificata, con una lunga storia e una cultura diversificata, Yinchuan era la capitale della dinastia degli Xia occidentali, e quindi un crocevia importante per il commercio sull’antica via della seta e un perno per la Cina nordoccidentale. Numerosi siti storici quali il mausoleo della dinastia degli Xia occidentali e il tempio di Cheng Tian sono, ancora oggi, punti di riferimento importanti.

Caratterizzata da un’ampia escursione termica diurna e da un clima soleggiato, Yinchuan gode di circa 2983 ore di sole all’anno. Il suolo è ricco di ghiaia grazie all’influenza del conoide alluvionale dei monti Helan, che la rende una delle più splendide regioni viticole dei monti Helan e la prima regione viticola sviluppatasi del Ningxia. Per dare un’idea più chiara, dei 90 vigneti di Ningxia, 58 di essi si trovano a Yinchuan, 33 dei quali classificati secondo l’ultimo sistema di classificazione ‘Grand Cru’ di Ningxia. I diversi approcci e le diverse filosofie in materia di viticoltura e di vinificazione permettono di creare un ambiente diversificato nel quale gli stabilimenti vinicoli possono stabilirsi e prosperare. Tra le aziende vinicole in pieno sviluppo che hanno eletto domicilio a Yinchuan troviamo i vigneti Helan Qingxue, il Kanaan Winery e il Changyu Moser XV.

Le Marselan s’est révélé être un excellent second choix et est considéré par beaucoup comme l’avenir des vins chinois.

Il sistema di classificazione ‘Grand Cru’ di Ningxia

Questo sistema è stato introdotto per la prima volta nel 2013 su iniziativa dell’Ufficio della Vigna e del Vino della regione autonoma di Ningxia, rendendo le pendici orientali dei monti Helan la prima e l’unica regione di produzione di vino in Cina ad attuare un approccio sistematico di classificazione dei suoi vini. Il sistema, aggiornato ogni due anni, comprende cinque livelli, il primo cru è il livello più alto. Le aziende vinicole possono essere promosse a un livello superiore o rimanere allo stesso livello. Per essere qualificata produttore di Grand Cru, l’azienda deve riempire diverse condizioni tra cui la qualità finale del vino, la gestione del vigneto, il rendimento e il marketing.

I membri della giuria sono esperti in vino, degustatori professionisti e critici enologici, rappresentanti del commercio e diverse associazioni, i cui nomi sono resi pubblici un mese prima dell’esame. Il personale incaricato del controllo qualità e un notaio hanno il compito di testare i campioni di vino tramite diversi mezzi tra cui un sondaggio in cantina, l’analisi tecnica e la degustazione.

L’ultimo aggiornamento si è svolto nel 2019. Nel sistema sono attualmente presenti 47 cantine e nessun “primo cru”. Helan Qingxue, Chateau Yuanshi e Chateau Bacchus sono gli unici tre stabilimenti qualificati come “secondo cru”. A seguire troviamo 7 cantine qualificate “terzo cru”, 21 classificate “quarto cru” e 16 classificate “quinto cru”.

Partenaires institutionnels