Comunicato stampa

Brno, domenica 6 settembre 2020

È ormai ufficiale, il Concours Mondial de Bruxelles si svolgerà in Cina, a maggio 2021. È la seconda volta che la competizione giunge nell’Impero di Mezzo. Dopo il successo della prima edizione a Pechino, nel 2018, desideroso di scoprire il cuore della produzione viticola cinese, il Concours Mondial de Bruxelles ha scelto la regione di Ningxia come destinazione per la 25ª edizione del concorso.

Questa decisione è stata annunciata durante la chiusura dell’edizione 2020. Purtroppo, a causa delle restrizioni sanitarie, nessun rappresentante della regione di Ningxia era presente a Brno. Le sessioni di degustazione del 28° Concours Mondial de Bruxelles si svolgeranno dal 22 maggio al 24 maggio 2021.

L’espansione del vigneto cinese è impressionante. Con quasi 850.000 ettari di vigna, l’Impero di Mezzo si distingue come attore maggiore della viticultura internazionale. La sua produzione conosce uno sviluppo qualitativo e quantitativo eccezionali. Thomas Costenoble, Direttore del Concours Mondial de Bruxelles: “È la seconda volta che quest’evento vinicolo internazionale si svolge in Cina. Dopo Pechino, prendiamo la direzione di Ningxia, la regione viticola cinese più promettente che ci riserverà sicuramente incredibili soprese.”

La provincia di Ningxia

Insieme ad altre province come Xinjiang o Giangdong, è una delle aree emergenti di produzione del vino. Baudouin Havaux, Presidente del Concours Mondial de Bruxelles: “Una delle nuove regioni viticole cinesi più interessanti si trova nella regione autonoma di Ningxia. In un prossimo futuro, la regione potrà rivendicare il suo posto tra i territori più reputati al mondo.”

Questa regione desertica, situata alla frontiera con la Mongolia Interna, contava, fino a poco tempo fa, soltanto miniere e centrali elettriche. Situati a un’altitudine di 1.000 metri, i vigneti di Ningxia, che si estendono ai piedi della catena montuosa Helan, hanno messo radici grazie a un programma di irrigazione che attinge acqua dal Fiume Giallo. Su 35.000 ha, sono spuntate su questa pianura arida oltre 150 aziende viticole dall’architettura ostentata. Questo nuovo eldorado non attira soltanto i ricchi imprenditori cinesi che hanno fatto fortuna nella petrolchimica, nell’estrazione di carbone o nel settore edile, ma anche gruppi prestigiosi e riconosciuti, come LVMH e Pernod-Ricard.

I contrafforti orientali della montagna Helan, nel Ningxia, si trovano tra il 30°e il 50° parallelo dell’emisfero nord, considerato come la “Golden zone” per la coltivazione dell’uva da vino. Vitigni internazionali come il Cabernet Sauvignon, il Merlot, il Pinot Nero, il Syrah, e lo Chardonney sono ampiamente coltivati nella regione ove si trovano anche alcuni vitigni inaspettati come il Gamay, il Sémillon o il Riesling.

La competizione :

Il Concours Mondial de Bruxelles è una competizione internazionale durante la quale i produttori del mondo intero presentano oltre 8.000 vini affinché siano valutati da un panel di degustatori esperti. Parola d’ordine: distinguere i vini di altissima qualità, senza pregiudizi legati all’etichetta o alla denominazione. Il Concorso è tra i più importanti eventi internazionali del settore. Dopo la Svizzera, nel 2019, la Repubblica Ceca nel 2020, le degustazioni si svolgeranno, quindi, in Cina nel 2021.

Contatti stampa :

Valentina Phillips : valentina.phillips@vinopres.com

Tél. : +32 2 533 27 66 | Mobile : +32 478 21 27 33

Charles Piron : charles.piron@vinopres.com

Tel : +32 (0) 2 533 27 65 | Mob. +32 478 54 83 13