Comunicato stampa
Bruxelles, 16 settembre 2021

La Calabria, e più precisamente la città di Rende, Cosenza, accoglie la sessione principale del concorso, dedicata ai vini rossi e bianchi. Oltre 350 degustatori sono attesi nella regione, dal 19 al 22 maggio 2022. Il team del CMB spera di poter ritrovare un’organizzazione tradizionale, nel cuore di una regione in cui la storia del vino è secolare.

La decisione è stata annunciata online giovedì 16 settembre, Il Concours Mondial de Bruxelles arriva a Cosenza nel 2022. Il Concours Mondial de Bruxelles si svolge ora in 4 sessioni separate per analizzare in maniera ancor più precisa e professionale ogni tipo di vino. Le valutazioni sono affidate a esperti specializzati e selezionati per ogni sessione.

La Calabria, culla della viticoltura

La storia del vino in Calabria risale a oltre 2.500 anni fa. Situata tra il mare e la montagna, nel cuore del Mediterraneo, questa regione è da sempre considerata terra di vino. Infatti, anticamente, la zona si chiamava Enotria, ossia la “Terra del vino” o “Terra dove si coltiva la vite”. I vini calabresi erano molto apprezzati nell’antichità al punto da essere offerti ai vincitori dei Giochi Olimpici. La gente del posto conosceva bene la vite e la coltivava ancora prima che i Greci, con le loro colonie, portassero le proprie conoscenze viticole.

Questa importante storia vinicola è ancora ben presente e tangibile nella punta dello Stivale. Grazie al profondo legame dei suoi abitanti con la sua storia, la Calabria di oggi rappresenta un vero e proprio giacimento di informazioni sulla storia vitivinicola, come lo testimoniano le abbondanti tracce presenti nei numerosi siti archeologici. Nel cuore della Calabria, la provincia di Cosenza è considerata un vero e proprio giardino botanico, racchiusa tra il Mar Ionio e il Mar Tirreno, e tra il Massiccio del Pollino e l’Altopiano della Sila. In questo clima unico, si coltivano prodotti eccellenti. Dolcissimi pomodori, liquirizia, olive e agrumi profumatissimi, tra cui il famoso bergamotto. Senza dimenticare la vite. La zona viticola cosentina si trova nel nord della Calabria. I vigneti si estendono a un’altezza tra i 500 e i 700 metri e fanno di questa zona la più grande area di produzione della regione. Il vitigno più emblematico della regione è il Magliocco Dolce, che conferisce al vino aromi di more e di spezie.

La 29ª edizione del Concours Mondial de Bruxelles è organizzata in partenariato con la Camera di Commercio di Cosenza, la Regione Calabria, l’ARSAC (Azienda regionale per lo sviluppo dell’agricoltura calabrese), il Consorzio Terre di Cosenza e il Comune di Rende.

Il Concorso
Il Concours Mondial de Bruxelles è un concorso internazionale durante il quale oltre 10.000 vini presentati da produttori sono degustati e valutati da una giuria di professionisti. I nostri degustatori esperti esaminano i vini in concorso con un solo obiettivo: individuare vini di ineccepibile qualità, indipendentemente dall’etichetta e dal prestigio della denominazione. Il Concorso, tra i più importanti eventi internazionali del settore, si distingue anche per l’organizzazione di eventi promozionali post concorso quali la premiazione dei vini italiani a Roma il 16 settembre 2021, la partecipazione a Wine Paris con 16 produttori premiati il 14-16 febbraio 2022 e la promozione dei vini premiati nel suo Winebar a Città del Messico.

Contatto stampa :

Charles Piron
Charles.piron@vinopres.com
Tel : +32 (0) 2 533 27 65